News

newsletter dal Bangladesh - Dalla Sardegna alla foresta del Sunderban!

newsletter dal Bangladesh - Dalla Sardegna alla foresta del Sunderban!

leggi la  newsletter  (si aprirà in una nuova pagina)

Cari Amici e Amiche,

Una signora che dalla Sardegna decida di andare a fare un corso qualunque sul Continente (come i Sardi chiamano anche la Penisola del nostro Bel Paese) non farebbe certo notizia.

Che una Sarda per imparare il Bangla decida di iscriversi a un regolare corso per stranieri in chissà quale università del Subcontiente indiano... pensiamo succeda quasi tutti giorni.

Ma ci pare sorprendente che Federica, per imparare il Bangla  (e farsi un'idea di certe realtà "culturali"), abbia trovato il modo di avere come professore privato niente nientepopodimeno che.... il #1: il buon p. Luigi!

Che sia sopravvissuta per tre mesi al clima, alla dieta e ai tanti disagi del JNA è forse meno sorprendete di quello che è riuscita ad imparare in un tempo relativamente così breve, come "certifica" p. Luigi e come la stessa Federica racconta.

Toccata e fuga è stata invece la visita del segretario del Nunzio apostolico accompagnato da una signora italiana che vive a Dhaka ed ha cucinato per il Papa (che non è dir poco), e da due MID sisters molto care e note ai nostri lettori: sr. Roberta (la Direttrice del lebbrosario di Khulna) e sr. Annamaria (Consigliera regionale a Dhaka).

Che questi quattro ospiti siano stati accolti con la tradizionale cerimonia di benvenuto ed abbiano preso la pioggia provando a fare un giretto nel Sunderban... lo si capisce a colpo d'occhio dalle solite foto che vi faranno senz'altro sorridere.

C'è però poco da ridere leggendo la considerazione finale di p. Luigi, il quale è perfettamente conscio di non essere (purtroppo) eterno. E il problema di «chi vorrà continuare quanto è stato iniziato tra la tribù dei Munda» è (purtroppo) molto serio e di non facile soluzione.

Data

10 OTTOBRE 2019

Informazioni

In questa sezione proponiamo tutte le notizie relative alla Cooperativa LA BOTTEGA DELLA SOLIDARIETÀ.