Importazione diretta BaSE

Cooperativa LA BOTTEGA DELLA SOLIDARIETÀ

La Bottega si è costituita nel 1992 con lo scopo di dare stabilità e continuità alla vendita dei prodotti artigianali che, fin dagli anni ’80, la Cooperativa Sir Jhon di Morbegno aveva iniziato ad importare dai gruppi di donne che P. Giovanni Abbiati aveva organizzato in Bangladesh creando BaSE (Bangladesh Hoshto Shilpo Ekota Sheba Shongshta, vale a dire “Unione delle donne artigiane del Bangladesh”).

Dopo essersi costituita, per un certo tempo l’Associazione continuò a vendere i prodotti di artigianato importati da questa Cooperativa, ma iniziò ad organizzare dei propri autonomi viaggi in Bangladesh, che consentirono di incontrare direttamente i gruppi di donne e di stabilire, con la mediazione culturale e linguistica di P. Giovanni, un rapporto personale di conoscenza, di fiducia e di amicizia.

Divenne quindi naturale partecipare più attivamente al progetto di P. Giovanni iniziando a fare dei propri specifici ordini e quindi assumendosi direttamente l’intero rischio economico della vendita dei prodotti; in questa fase la Bottega aveva costituito un piccolo magazzino nel garage di uno dei soci, svolgendo le pratiche di importazione attraverso la Cooperativa Equomercato di Cantù, con cui condivideva lo spazio di ciascun container in partenza dal Bangladesh.

Nel 2000, essendosi notevolmente ampliata l’attività di vendita di prodotti importati dal Bangladesh ad altri gruppi e Botteghe del commercio equo, si iniziò ad utilizzare per questa attività un più ampio magazzino sito a Sondrio, in Via Macello, che venne successivamente acquisito in proprietà.

Infine, a partire dal 2003, la Bottega della Solidarietà iniziò l’avventura della importazione diretta di containers di prodotti artigianali dal Bangladesh: prima 4 containers di merce all’anno, poi 5, 6, fino ad arrivare negli anni 2006 e 2007 a 7 e 8 containers di merce.

Occorre sottolineare che, in relazione alla dimensione economica di questa attività, e coerentemente con la logica che anima il “Fair Trade”, le importazioni avvengono secondo le normali regole e con i normali oneri di nolo, trasporto e dazio, indipendentemente dalle finalità solidaristiche a cui sono indirizzate.

Questa attività, delicata e gravosa anche sotto il profilo delle procedure, ha naturalmente comportato la ricerca di soggetti dell’economia solidale disposti ad acquistare questi prodotti e a rivenderli nella propria zona. Fin dall’inizio un gruppetto di volontari si è specificamente dedicato a questa attività, e nel corso degli anni si è così creata una rete di contatti con altre Botteghe, con gruppi parrocchiali, con Associazioni del terzo settore che, sia con visite dirette presso il nostro magazzino che, più recentemente, tramite contatto informatico e spedizione a mezzo corriere, acquistano questi prodotti.

Con questa attività la Bottega contribuisce in modo determinante a dare uno sbocco commerciale ai prodotti artigianali di migliaia di donne, a garantire dignità e valore economico al loro lavoro, e quindi a mantenere vivo il progetto di giustizia e di solidarietà avviato da P. Giovanni in Bangladesh.

 

Informazioni

Puoi versare il tuo contributo con bonifico bancario a: *

Associazione Solidarietà Terzo Mondo Onlus di Sondrio
IBAN: IT91N0521611010000000099767
Credito Valtellinese - Sondrio
Causale: "Adozione scolastica"

*

Le donazioni a favore dell'Associazione Solidarietà Terzo Mondo Onlus da parte di imprese e privati sono deducibili fiscalmente ai sensi dell'art. 14 della legge 80 del 14 maggio 2005